Fury N Grace – A Dream-Letter to the Witches of Western Europe (2016)

Con quest’opera dal nome considerevole tornano sulla scena i Fury N Grace, band italiana con base a Varese giunta ormai alla sua terza fatica in studio.

Senza ulteriori indugi, ci tuffiamo nell’ascolto del disco che ci dà il benvenuto con Grand Guignol. Veniamo accolti da un’atmosfera tetra di voci distorte e risate sommesse ma quando arriva la musica vera e propria lo scenario costruito dalla band è davvero spettacolare. Il prog messo in piedi dalla formazione di Varese è veramente di ottima fattura e, sebbene le sonorità non siano nuove all’orecchio degli appassionati di prog, l’ascolto risulta ugualmente piacevole dal momento che la proposta musicale dei Fury è veramente di alto livello. In dieci minuti si chiude l’apertura di questo nuovo lavoro, che lascia adesso la parola al secondo pezzo, ovvero The Ossuary. Si rimane ancora sui ritmi del pezzo di apertura, anche se in questo caso la costruzione del brano è leggermente diversa. Dopo una breve pausa nella parte centrale del brano viene inserita una fase che sfocia quasi nell’heavy rendendo ancora più interessante la composizione, attestando l’album fin qui su livelli veramente altissimi. Con Night of the Mandibles giungiamo al terzo brano del nuovo lavoro, e si può subito notare come le sfumature heavy del pezzo appena precedente siano adesso notevolmente più accentuate, dando vita ad una struttura mista saggiamente architettata. Al quarto posto troviamo Ultima Weapon, pezzo che stupisce in prima battuta per la sua durata in mezzo a brani che superano tutti i cinque minuti. Un’atmosfera molto cupa ci viene regalata da una chitarra che domina l’intero pezzo e ci traghetta verso il quinto brano, ovvero la title-track, A Dream-Letter to the Witches of Western Europe. I ritmi sono leggermente rallentati rispetto a quanto abbiamo sentito finora, ma ciò che ci viene proposto ha tanto da dire. Il lavoro strumentale è come al solito impeccabile e la complessità della composizione regge in maniera formidabile. A seguire troviamo Dark Companions, che con le sue sonorità in un arco di tempo brevissimo contribuisce all’atmosfera cupa e funerea dell’intero lavoro. In mezzo a tanti titoli anglofoni, troviamo anche un italianissimo Nuove frontiere del Delitto, anche se il pezzo è di fatto cantato in inglese. Non viene mai meno l’omogeneità dei brani che regalano tutti la stessa atmosfera, anche se il rischio di una monotonia generale dell’album viene meno di fronte alla fantasia del quartetto lombardo nella costruzione generale delle tracce. Si prosegue con Gloria in Excelsis Baphometo, forse uno dei brani più oscuri se non quello che rende al meglio quell’atmosfera. Al penultimo posto nella tracklist c’è The Effects of Blackness Moderated, nel quale i ritmi scendono vertiginosamente e accompagnano a fatica un brano tetro e ben riuscito, che riesce a far trattenere il fiato per un lasso di tempo non indifferente. Alla fine di questo nuovo lavoro dei Fury ‘N’ Grace troviamo The Secrecy of Small Creatures with Six Legs, che si apre con una parte recitata e sfocia in un crescendo musicale di oltre dieci minuti che chiude alla perfezione un bellissimo album in cui l’inquietudine non viene mai meno.

In conclusione, A Dream-Letter to the Witches of Western Europe degli italiani Fury ‘N’ Grace è un lavoro molto riuscito, soprattutto sotto al profilo delle atmosfere che non mancano mai di suscitare ansia nell’ascoltatore più attento. Tra le pochissime pecche di un album dalle premesse ottime, troviamo purtroppo la sopracitata omogeneità dei brani che in certi casi è un punto a favore di certi lavori, ma nel caso in questione diventa quasi eccessiva e rischia di rovinare la fantasia del gruppo che pure non manca e si fa sentire in molti frangenti.

Voto: 85/100

Francesco

Tracklist:

  1. Grand Guignol (It Takes Tragic Hearts to Believe in Tragic Monsters) – 10:25
  2. The Ossuary – 07:27
  3. Night of the Mandibles – 07:55
  4. Ultima Weapon – 02:03
  5. A Dream-Letter to the Witches of Western Europe – 10:24
  6. Dark Companions (to Ramsay Campbell) – 01:25
  7. Nuove Frontiere del Delitto – 07:19
  8. Glloria in Excelsis Baphometo – 07:16
  9. The Effects of Blackness Moderated – 05:01
  10. The Secrecy of Small Creatures with Six Legs – 11:26
Durata totale: 01:10:41
Lineup:

  • Franco Campanella – voce
  • Matteo Carnio – chitarra
  • Christian Grillo – basso
  • Emiliano Bertossi – batteria
Genere: progressive/doom metal
Per scoprire il gruppo: la fanpage Facebook dei Fury N Grace

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento

Google-Translate it!