Chaos and Technocracy – Chaos and Technocracy (2017)

I Chaos and Technocracy sono stati una band italiana appartenenti alla scena progressive thrash nel pieno degli anni ’90. La loro attività termina nel 1998, ma sul finire dell’anno appena trascorso è saltato fuori un EP omonimo rimasto inedito fino ad ora, per ben ventidue anni.

Dal punto di vista sonoro veniamo immediatamente trascinati nelle atmosfere tipiche del thrash che in quegli anni fece la fortuna di numerose band in giro per il mondo, e nonostante la produzione indipendente il risultato finale è un suono compatto e deciso che si mostra coerente anche quando il gruppo decide di osare. A convincere poco è la scarsa cura della componente vocale, che risulta a tratti tediosa o poco in sintonia con le basi strumentali. Purtroppo è una problematica diffusa in tutti e quattro i pezzi di questo lavoro, dunque non si può fare a meno di notarla. Tuttavia, a bilanciare tale peso sopperisce una buona prova del comparto strumentale che, seppure in misura non eccessiva e con delle composizioni sicuramente non troppo complesse, si muove bene anche su qualche accenno di trama progressive.

Nel complesso, il lavoro omonimo della formazione di Aosta mostra dei punti di forza di discreto livello a cui però si affiancano delle problematiche che rendono il tutto meno godibile nella sua interezza.

Voto: 60/100 (voto massimo per gli EP: 80)

Francesco


Tracklist:

  1. The Others – 03:28
  2. A Better World – 04:58
  3. Believe Me – 06:28
  4. Savior – 04:49

Durata totale: 19:29

Lineup:

  • Antonietta Scilipoti – voce
  • Luca M. – voce e chitarra
  • Luca Martello – chitarra
  • Roby – basso
  • Andrea – batteria

Genere: thrash/progressive metal
Per scoprire il gruppo: la pagina di Metal Archives sui Chaos and Technocracy

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento