Tracy Grave – Sleazy Future (2018)

Tracy Grave è un cantautore e compositore italiano che inizia la sua carriera nel 2000 e dopo aver collaborato con numerose band fonda nel 2017 la sua band solista insieme ad altri musicisti quali il chitarrista Mark Shovel. È con questo gruppo che, quest’anno, ha pubblicato il suo primo album Sleazy Future.

Fin dai primi secondi di Cemetery Sin il potente sleaze del gruppo viene fuori in maniera piuttosto chiara e le scelte stilistiche del gruppo si delineano nettamente. Il disco poi verte anche su sonorità che richiamano il rock più classico e danno ulteriore profondità al sound maturo e compatto della formazione. Ciò che invece a tratti sembra mancare di solidità sono alcune soluzioni compositive che in più di un brano risultano stucchevoli o poco calzanti; in più di un’occasione, come nel caso di Dancing on the Sunset o per i pezzi in cui il ritmo va ad allentarsi, certi passaggi danno la sensazione di non incastrarsi bene con il resto rendendo l’ascolto più difficile. Tuttavia questo problema non sempre è presente ed a parte qualche altro piccolo intoppo Sleazy Future scorre abbastanza bene per tutta la sua durata. Le prove individuali di tutti i componenti inclusi nel progetto di Grave si attestano su un buon livello dando ragione alle scelte del compositore, che con il suono impostato sugli strumenti e per espressione vocale infonde un’aria nostalgica al disco che si colora anche di una venatura vagamente ottantiana capace sicuramente di incuriosire gli amanti di quel periodo storico che ha regalato moltissimo alla musica internazionale anche in ambiti diversi da quello a cui Tracy Grave fa riferimento. Con una serie di accorgimenti in più Sleazy Future avrebbe avuto di sicuro i numeri per diventare un disco significativo e l’esperienza accumulata in ben diciotto anni di carriera poteva evitare alcuni degli aspetti che rendono l’album un po’ più pesante. Ciononostante la formazione scelta per comporre la band di cui si avvarrà il cantautore italiano da ora in poi sembra avere un potenziale notevole per i lavori futuri ed è indubbio che sia un gruppo da seguire nei prossimi anni per vederne lo sviluppo e l’eventuale crescita.

Francesco

Tracklist:

  1. Cemetery Sin – 03:46
  2. Dirty Rain – 03:55
  3. Without Scars – 04:38
  4. Dancing on the Sunset – 03:45
  5. Freedom Without Rules – 04:37
  6. Make You Feel the Pain – 05:09
  7. My Last Goodbye – 03:18
  8. Over the Top – 04:04
  9. Piece of Horizon – 04:49
  10. Return (Back in My Hands) – 03:25

Durata totale: 41:26

Lineup:

  • Tracy Grave – voce
  • Mark Shovel – chitarra
  • Enea Grave – chitarra
  • Nekro Viper – basso
  • Hurricane John – batteria

Genere: hard rock
Sottogenere: sleaze metal
Per scoprire il gruppo: il sito ufficiale di Tracy Grave

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento