Ennui – End of the Circle (2018)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEEnd of the CIrcle (2018) è il quarto album dei georgiani Ennui. 
GENEREUn funeral doom metal cupo e asfissiante, con in più qualche influsso post-rock e qualche accelerazione estrema.
PUNTI DI FORZAAlcuni spunti di personalità, atmosfere con diverse sfumature, qualche bel passaggio in una scaletta in generale piacevole.
PUNTI DEBOLIUn grande anonimato: se la musica scorre, c’è pochissimo che rimanga in mente.
CANZONI MIGLIORIThe Withering Part II – Of Long-Dead Stars
CONCLUSIONIEnd of the Circle si rivela un lavoro che non spicca, ampiamente sufficiente ma senza riuscire ad andare molto oltre.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify | Soundcloud
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon | Bandcamp | Bigcartel | Ebay
SCOPRI IL GRUPPO SU:Sito ufficiale | Facebook | Instagram | Bandcamp | Youtube | Spotify | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
67
COPERTINA
Clicca per aprire

Ci sono recensori che, nel loro lavoro, amano essere severi nei loro giudizi, tanto da rasentare la cattiveria, quando gli capita una stroncatura o anche solo un disco meno buono. Per fortuna dei georgiani Ennui, io non lo sono: sarebbe facile per me prendere in giro il loro monicker, che significa “noia” in francese, e dire che descrive bene il loro quarto album End of the Circle, uscito lo scorso 5 settembre. Ma non sono così categorico: si tratta di un lavoro con anche qualche punto di interesse, seppur in generale non mi abbia convinto del tutto. Da un lato, lo stile degli Ennui non è male: si tratta di un funeral doom metal lento, molto espanso, asfissiante, con poche accelerazioni che mostrano influssi death e black. Il suo punto di forza sono le melodie ossessive, a volte addirittura di stampo post-rock, che danno a End of the Circle un tocco di personalità in più. Ma al tempo stesso, questo è il difetto del disco: gli Ennui riescono di rado a fare la differenza con queste melodie, come capita ai migliori gruppi del genere. E il risultato è che lungo le tre lunghissime canzoni che compongono l’album sono pochi i passaggi che riescono a spiccare, tutto il resto suona abbastanza anonimo. È forse colpa anche di un po’ di discontinuità – all’interno di uno stesso brano si alternano tratti buoni si alternano con altri che non lo sono – e della forte omogeneità: in End of the Circle molte melodie tendono ad assomigliarsi. Sta di fatto che, seppur non deleterio, è un problema abbastanza incisivo della musica degli Ennui. Quello costruito dalla band di Tbilisi nell’ora e un quarto dell’album rimane un viaggio piacevole, avvolgente nella sua oscurità, e raggiunge un’ampia sufficienza; solo, alla fine dell’ascolto c’è davvero poco che ti rimanga dentro.

Le danze partono da un breve intro misterioso, con una chitarra pulita echeggiata, di tono molto post-rock. Rimane anche quando End of the Circle entra nel vivo, accoppiata a potenti e arcigne ritmiche di chitarra, per un connubio strano, ma riuscito. Come base non è niente male, anche grazie ai tanti echi e alle piccole variazioni, che fanno cambiare spesso questa melodia e la rendono sempre incisiva, a tratti anche con un certo pathos, almeno all’inizio. Poi però, dopo una breve pausa, l’estro degli Ennui si acquieta, con una lunga frazione meno interessante: le lievi chitarre in sottofondo sono troppo ossessive e monocordi, e non arricchiscono molto la semplice base funeral e il growl di David Unsaved al di sopra. Solo a tratti si aprono stacchi sempre lenti ma un po’ più animati: guardano all’inizio e creano buoni affreschi di desolazione o di alienazione, grazie al lead di chitarra, sempre in bella vista. È il dualismo dell’intera canzone, che a tratti impressiona, mentre altrove annoia: colpa anche di una progressione che ogni tanto sembra un po’ casuale, slegata da qualsiasi filo logico. E così, per esempio non riescono a incidere le tante aperture eteree che appaiono spesso: nessuna di esse a livello musicale è malaccio, ma i georgiani le stirano troppo a lungo, tanto da farle risultare prolisse, poco interessanti. Ma anche per alcuni di quelli più metal vale lo stesso, con alcuni passaggi ossessivi al massimo, che vengono a noia quasi subito: succede per esempio nei dintorni del finale, che poi sfocia in una coda ancor più vuota e lunga. Per fortuna però altri passaggi ritirano su la qualità di questa title-track: spicca per esempio la progressione che prima metà diventa sempre più vorticosa, per poi sfociare in un granitico e rabbioso sfogo death metal, di ottimo impatto. Validi si rivelano anche i passaggi più profondi che si aprono a tratti, in cui nonostante il growl c’è spazio anche per una bella dose di sentimento, di disperazione: sono i più belli del pezzo insieme a quelli in cui tornano le coordinate iniziali. In generale, gli oltre trentadue minuti del pezzo non mancano di buoni elementi: quasi nessuno è da strapparsi i capelli, ma tutti riescono a dire qualcosa. Peccato però per i tanti momenti morti – che, lo ammetto, mentre scrivevo la recensione mi hanno causato più di uno sbadiglio: senza, poteva venire un pezzo più breve e soprattutto molto migliore, invece di quello solo riuscito a metà che risulta alla fine.

The Withering Part I – Of Hollow Us parte da un riff lento e costante, arricchito da una chitarra malinconica con un retrogusto persino gothic. È una norma che va avanti a lungo: all’inizio crea un bell’affresco, di grande vuoto e disperazione, aiutato da qualche piccola variazione, che però alla lunga risulta insufficiente. Ripetendosi per tanti minuti (addirittura oltre sei) senza cambi macroscopici, il tutto finisce per risultare prolisso. Per fortuna, a quel punto gli Ennui cambiano strada, con la musica che scende fino a raggiungere un lungo stacco a metà tra l’ambient e il post-rock, pieno di echi del basso di Serj Shengelia e delle chitarre. Si tratta ancora di una frazione lunga e molto vuota, ma stavolta con la sua aura funziona; lo stesso vale per quella successiva, che torna al funeral ma presenta melodie e suggestioni simili. È la base di partenza per un nuovo avvio, che pian piano accelera, ma stavolta con meno influssi death: a dominare anche nei tratti più veloci è la chitarra, con melodie circolari, vertiginose, a tratti persino lancinanti. Abbiamo così il momento migliore del pezzo, ma anche il resto non è da buttar via: oltre a quanto già citato, funziona bene il finale, che dopo un altro stacco delicato e malinconico torna a essere ripetitivo. Ma stavolta non annoia: merito della lenta e ossessiva melodia di chitarra, dolce e di gran pathos, che aiuta a creare una bella atmosfera, avvolgente nonostante l’assenza di grandi variazioni (ma di piccole ce ne sono al punto giusto). È quanto basta al brano: nonostante soffra in certi frangenti dei difetti tipici degli Ennui in End of the Circle, risulta discreto e piacevole. La successiva The Withering Part II – Of Long-Dead Stars stavolta entra dritta nel vivo: un breve preludio del batterista ospite John Devos, poi ci ritroviamo in un ambiente lentissimo, cupo, ma con una sua essenza sognante. Merito ancora delle chitarre di Shengelia e Unsaved, che cominciano subito a creare belle melodie, un flusso che prosegue anche quando entra in scena il growl. È il filo conduttore del pezzo, che a tratti comincia ad accelerare e si fa leggermente più musicale, mentre altrove va dritto verso l’alienazione, con momenti di cupezza cosmica, espansa al massimo. Ma ci sono passaggi anche in cui le due suggestioni si uniscono: succede al centro, con una sezione dissonante che rapidamente diventa convulsa, fino a raggiungere un breve sfogo macinante, di gusto ancora death metal. È un’influenza che stavolta aleggia anche sul resto, seppur in maniera vaga: lo si può sentire in molte ritmiche, per quanto a dominare siano sempre le melodie lontane e alienate di chitarra, a tratti di nuovo di origine post-rock. In ogni caso, tra tanti cambi di ritmo e diverse piccole sfumature di atmosfera, il tutto non annoia mai: succede soltanto, un pochino, nella morbida coda finale, con la stessa melodia di chitarra pulita che va avanti troppo a lungo. Ma è un dettaglio per una traccia per il resto molto buona, la migliore del terzetto che conclude!

Da un lato, End of the Circle non è un album da buttare: per lunghi tratti è piacevole, specie se uno lo usa come sottofondo, nel qual caso avvolge molto bene. Ma non è certo un lavoro memorabile: al netto di alcuni bei passaggi, tutto il resto tende a scorrere senza lasciare grande traccia nella mente dell’ascoltatore. Di fatto, l’unica vera particolarità per cui gli Ennui riescono a spiccare è perché vengono dal Caucaso, invece che dalla Finlandia, dall’Europa centrale o dagli Stati Uniti: per il resto, si perdono tra le tante terze linee del funeral doom. E questo non è positivo, considerando anche che qualche bello spunto ce l’hanno, come anche una personalità non banale. Che dire: speriamo che vengano fuori meglio col prossimo album!

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1End of the Circle32:29
2The Withering Part I – Of Hollow Us20:07
3The Withering Part II – Of Long-Dead Stars20:00
Durata totale: 01:12:36
FORMAZIONE DEL GRUPPO
David Unsavedvoce e chitarra
Serj Shengeliachitarra e basso
OSPITI
John Devosbatteria
ETICHETTA/E:Non Serviam Records
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:l’etichetta stessa, Qabar PR

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento