Septagon – Apocalyptic Rhymes (2018)

I Septagon sono un quintetto thrash metal proveniente dalla Germania ed Apocalyptic Rhymes è la loro seconda fatica in studio di registrazione dopo il buon esordio con Deadhead Syndicate nel 2016.

Il suono già parecchio solido e convincente che la band era riuscita a creare in occasione del primo album si irrobustisce ulteriormente con questa seconda uscita che porta all’attenzione del pubblico internazionale un thrash old school: non punta a reinventarsi bensì a cavalcare i punti di forza del genere. L’utilizzo preponderante di un basso sempre sulla cresta dell’onda in grado di trascinare intere sezioni ritmiche in solitaria, unito a delle chitarre con effetti e distorsioni in pieno stile anni ottanta, sancisce la volontà inequivocabile da parte del gruppo di rievocare sotto al proprio monicker un modo di fare metal che ormai sta andando sempre più a scomparire. Tutti i brani hanno almeno un momento da apprezzare e valorizzare e questo scongiura ogni possibile rischio di filler, dal momento che anche la durata complessiva dell’album non è per nulla proibitiva ed ogni minuto scorre abbastanza agevolmente. La struttura compositiva costruita dalla formazione teutonica esprime la più tradizionale tra le possibili interpretazioni del thrash, ma questo non gli impedisce di trovare soluzioni fantasiose che a più riprese fanno pulsare Apocalyptic Rhymes di una freschezza che solo dopo decenni dalla golden age del genere poteva venire fuori in modo così chiaro. In un panorama internazionale che vede proliferare sempre più giovani band che probabilmente non hanno neanche vissuto il periodo musicale cui adesso fanno riferimento, i Septagon si collocano tra i “nostalgici” che amano intingere le proprie creazioni con gusto classico ma lasciando comunque un personalissimo marchio all’interno della propria produzione artistica, ottenendo così un suono che omaggia il classico ma non nega uno sguardo alla modernità. A sentire i due dischi prodotti finora da Alexander Palma e soci la scelta sembra essere vincente, e se l’evoluzione che la band può avere in così poco tempo è solo un assaggio del loro potenziale gli appassionati del thrash metal potrebbero avere un nuovo gruppo da seguire con molta attenzione nei prossimi anni.

Voto: 80/100


Francesco


Tracklist: 
  1. The End – 01:16
  2. The Weight of the World – 04:38
  3. Home, Sweet Hell – 05:16
  4. Apocalyptic Rhymes – 03:39
  5. Make a Stand – 03:36
  6. The Unfathomable Evil – 03:35
  7. P.O.T.U.S.A. – 04:56
  8. Cosmic Outrage – 04:22
  9. Nothingness Awaits – 03:15
  10. Sunset Blood – 07:19
Durata totale: 41:52
Lineup:
  • Markus Becker – voce
  • Markus Ullrich – chitarra
  • Stef Binnig-Gollub – chitarra
  • Alexander Palma – basso
  • Jürgen Schrank – batteria
Genere: thrash metal
Sottogenere: speed thrash metal
Per scoprire il gruppo: la fanpage Facebook dei Septagon

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento