Reaper-X – Rise (2019)

I Reaper X sono un gruppo inglese che con Rise, primo full-length della sua carriera, crea un’interessante miscela di thrash metal e linee moderne.

La prima traccia s’intitola Intro, melodia solenne ma piuttosto ripetitiva che da subito non mi ha convinto subito. Infatti Blood in the Air, come introduzione sarebbe stata molto più convincente; la costruzione dinamica nei primi riff colpisce nettamente di più, fino ad esplodere nel riff principale che con effetti stereo si immette molto bene grazie all’esplosione più energica non appena destra e sinistra si mescolano di nuovo insieme. Il resto della canzone risulta abbastanza piatto fino al drop, abbastanza semplice ma funzionale nell’aspetto complessivo della canzone. L’assolo breve e intenso ci riporta egregiamente nell’ultima strofa fino al finale, anch’esso ben scritto.
Reaper inizia senza indugiare con un bell riff ricco di groove, Il basso che segue la cassa anziché la chitarra aiuta sicuramente di più nella profondità. Complessivamente però il brano non mi ha colpito molto, risulta molto piatto. Successivamente Fury in Flames impiega forse troppo tempo a partire, infatti fino a metà brano ti trascina più che trasportarti. Quando partono le melodie armonizzate di chitarra c’è una sorta di evoluzione dinamica, per giungere dopo l’ultima strofa al finale. Adrift si pone in maniera totalmente differente, proponendo un intro calmo e melodico, molto piacevole. Nel complesso infatti si nota la differenza, soprattutto la pulizia del cantato che nel mixing si mescola molto meglio col resto. Molto bello l’intermezzo di basso che fa da preparazione ad un bellissimo assolo di chitarra che lascia da parte lo shredding e si arricchisce di una piccola dose di melodia. L’introduzione di Diplomatic Solution ricorda vagamente nell’aspetto melodico Disposable Hereos dei Metallica, come di consueto dopo la prima metà c’è un netto miglioramento grazie ai breakdown e all’assolo che segue; in questo caso specifico, le dissonanze di quest’ultimo arricchiscono la sensazione di maleficità complessiva. In Rise c’è uno stile di riffing nettamente diverso con legati e pull-off che con la batteria più serrata compongono un groove decisamente ottimo. Infatti qui ci troviamo davanti al migliore brano dell’album. Il breakdown è spaventosamente bello: armonici, tritoni e contrapposizioni melodiche che si mescolano decisamente bene. Il finale sfocia nel doom, riff rallentato fino alla chiusura della canzone. Ottima costruzione strutturale sicuramente e assemblata decisamente bene. Red Menace conferma dall’altro lato che la nota veramente positiva del disco è costruire ottimi breakdown differenti tra loro, ma nell’aspetto complessivo i riff, a parte alcuni, si fa difficoltà a differenziarli. Questa traccia presenta il finale più bello di tutta la scaletta, grazie all’accurata scelta degli armonici e dello spacco strutturale del riff che non arriva fino al quarto tempo. Noose conclude bene l’album, grazie ad un bell’intro di basso e scratch di chitarra che portano ad un bel riff che gioca su tre power chords scomponendoli metricamente creando un effetto audio di una maggiore numero di accordi.  Il resto del brano purtroppo risulta simile al resto ed il finale risulta più che discreto.

Nel complesso l’album è molto costante ma si pone troppo spesso su un livello di sufficienza, presenta qualche sprazzo di brillantezza ma non da compensare il resto. Sicuramente non scende mai sottotono, questo comporta che l’ascoltatore possa gradire o meno tutto il disco e non singole tracce.

Voto: 60/100

Giacomo DG

Tracklist:

  1. Death Resurrected – 01:48
  2. Blood in the Air – 05:55
  3. Reaper – 04:05
  4. Fury in Flames – 04:11
  5. Adrift – 04:48
  6. Diplomatic Solution – 04:54
  7. Rise – 06:49
  8. Red Menace – 05:50
  9. Noose – 05:03

Durata totale: 43:23

Lineup: 

  • Scott Austin – voce
  • Mark Innocent – chitarra solista
  • Drew Reilly – chitarra ritmica
  • Jake Coles – basso
  • Carl Sheldrick – batteria

Genere: thrash/groove metal
Per scoprire il gruppo: la fanpage Facebook dei Reaper-X

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento