Black Passage – The Veil (2019)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEThe Veil (2019) è il primo album degli americani Black Passage.
GENEREUn death metal melodico senza assonanze con altri gruppi
PUNTI DI FORZAMusica coerente con sé stessa, una forte identità nel gruppo, una certa piacevolezza.
PUNTI DEBOLIPoco che lasci davvero il segno.
CANZONI MIGLIORII Am (ascolta), Table Turn (ascolta), Trapped (ascolta), Bringer of Light (ascolta)
CONCLUSIONIThe Veil è un album coerente e senza grandi difetti, ma che nel complesso non colpisce. 
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify 
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon | Bandcamp 
SCOPRI IL GRUPPO SU:Facebook | Instagram | Bandcamp | Youtube | Spotify 
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
65
COPERTINA
Clicca per aprire

I Black Passage sono un gruppo americano che con The Veil aprono il loro percorso musicale di death metal. Un lavoro coerente con sé stesso dove l’identità del gruppo è forte in tutte le canzoni senza alcuna assonanza con altri gruppi, mentre le ispirazioni sono sicuramente presenti nelle sonorità generali dell’album.

L’album si apre con Lost, un breve brano introduttivo molto calmo e che come intro è molto preparativo, come se stesse a dire: sedetevi comodi, che il nostro spettacolo sta per iniziare.
Con una transizione senza pausa esplode Left to Waste, con una melodia felice e una strofa straziante crea un’atmosfera particolare e grazie ad un riff catturante riesce ad essere un’ottima canzone.
Non mi soffermerò su ogni singola traccia in quanto alcune non hanno particolarità degne di nota, di seguito saranno presenti quelle che secondo me sono più particolari, a partire da Table Turn, che mi ha colpito per la voce in stile grunge all’inizio della canzone che piano piano si evolve in un grattato che poi al breakdown diventa un pig squeal. Un’altra canzone che ha attirato la mia attenzione è Trapped, un riff semplice e funzionale accoppiato ad una particolare linea vocale che si evolve in growl insieme allo stesso riff ma più corposo di suono, in pratica un palm-mute meno eccessivo. Ho apprezzato molto la linea vocale del ritornello melodicamente vicina a quella degli Alice in Chains. La canzone che mi è piaciuta di più è I Am, fin dall’inizio mi è sembrata la più completa; una bella linea melodica come intro, complessivamente strutturata bene, energica e soprattutto non scontata. In Bringer of Light c’è però un bel riff introduttivo, il migliore secondo me, che nel finale diventa un bel breakdown che dal lato batteria avrei accompagnato in modo diverso.

In conclusione, è un album coerente, con una forte identità, ma personalmente non mi ha trasmesso la sensazione di avere nelle corde un qualcosa che lasciasse il segno. Il lavoro è oggettivamente buono, non ci sono grandi difetti, magari mancano un po’ di assoli che non sempre sono necessari, ma potrebbero dare quella dinamicità ad una canzone che magari è un po’ piatta. Non nego che le tracce si lascino ascoltare, anche in maniera piacevole; se la personalità del gruppo colpisce l’ascoltatore sicuramente resterà affezionato, avranno dei fan super fedeli.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1L0st01:47
2Left to Waste03:41
3Lamenting Ghost03:23
4Table Turn03:01
5The Veil02:52
6In Place of Us03:20
7Silent Home04:52
8Trapped04:19
9The Broken Hand06:01
10Depiction of Anguish04:08
11Bringer of Light05:08
12Bleed for You03:47
Durata totale: 46:19
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Julian Zidarevichvoce
Kevin Wilsonchitarra
Robby Perrychitarra
Brian Mojicabasso
Andrew Bairdbatteria
ETICHETTA/E:Autoprodotto
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:Dewar PR

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento