Crossbones – The Awakening (2019)

Nel loro paese sono probabilmente la metal band più conosciuta; in più, sono una delle poche ad essere uscite indenne dagli anni ’90, periodo decisamente movimentato per uno stato come l’Albania. Stiamo parlando dei Crossbones, band nata nel 1996, che ancora resiste, nonostante i tanti cambi di line up, tanto che solo Olsi Ballta, il vocalist, è un elemento originale del gruppo.

I Crossbones ritornano dopo un paio di anni di silenzio e soprattutto di tour europei, con il loro nuovo album, The Awakening, dove affrontano un interessante groove metal con forti influenze più alternative, a volte pure un po’ troppe.
Chiariamo, l’album è abbastanza variegato e questo fa in modo che non sia monotono, però è anche vero che alle volte i Crossbones si perdono: danno il meglio di loro quando spingono sull’acceleratore. Le parti alternative sono belle, ma si perdono ed è un peccato. Under My Scars e Man-made God sono due pezzi formidabili ed è questa strada che devono continuare a percorrere.

Insomma, gli albanesi non sono male e se vi state approcciando al groove metal da generi più melodici. Se invece siete ormai metallari sfegatati, forse il connubio vi risulterà più ostico da digerire. Io comunque darei loro un’opportunità.

Voto: 70/100


Monica

Tracklist:

  1. Under My Scars 03:44
  2. Enlightened Fury 03:53
  3. Realigning the Truth 05:22
  4. The Awakening 07:31
  5. Face Off 03:24
  6. Facing My Fear 04:07
  7. Shine 04:47
  8. Man-made God 04:59

Durata totale: 37: 45

Lineup:

  • Olsi Ballta – voce
  • Ben Turku – chitarra
  • Arlind Zerdja – basso
  • Theo Napoloni – batteria
Genere: groove/alternative/heavy metal
Per scoprire il gruppo: la fanpage Facebook dei Crossbones

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento