Dragonfly – Zeitgeist (2019)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEZeitgeist (2019) è il sesto full-length degli spagnoli Dragonfly.
GENEREUn power metal classico con influssi heavy nelle ritmiche.
PUNTI DI FORZAUn suono a modo suo ricco e profondo, qualche espediente compositivo interessante.
PUNTI DEBOLIUn abuso di alcune caratteristiche del genere, una forte mancanza di originalità, troppi stereotipi, una certa mancanza di colore.
CANZONI MIGLIORI
CONCLUSIONISe i Dragonfly non sono una band scadente, Zeitgeist è un album che non risalta. 
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube  | Spotify | Soundcloud
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon |  Ebay
SCOPRI IL GRUPPO SU:Sito ufficiale | Facebook |  Youtube | Spotify | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
58
COPERTINA
Clicca per aprire

Zeitgeist è il sesto full-lenght a firma Dragonfly. La band spagnola porta avanti un monicker nato all’inizio del secolo trasferitosi dall’Argentina alla penisola iberica, e dopo diversi cambi di lineup stabilizzato in un quintetto di musicisti esperti nel proprio genere.

Sebbene lo stile dei Dragonfly sia facilmente inquadrabile all’interno di un contesto power metal classico, a mitigare le ritmiche dei loro album troviamo spesso e volentieri influssi heavy di cui la band non si priva affatto. L’atmosfera sulla quale si appoggia tutto il lavoro compositivo è decisamente orientata verso il primo, ma la fusione con il secondo dona maggiore profondità al sound e arricchisce le potenzialità della proposta stilistica. A più riprese il gruppo sembra abusare di alcune caratteristiche del genere di riferimento, risultando esagerata e poco convincente: alcuni cori (che nel power costituiscono un elemento d’impatto e assolutamente non trascurabile) sono un po’ fuori luogo se considerati all’interno dei brani che li contengono. Inoltre, diversi ritornelli mancano dell’originalità necessaria per far brillare a sufficientemente i loro brani penalizzando l’opera nella sua interezza. Il concept ideato dai Dragonfly soffre di alcune pecche evidenti ma ha anche i suoi aspetti positivi: come già detto in apertura la leggera influenza heavy concede alla band di prendersi qualche libertà e variare sul tema, possibilità che viene sfruttata dal quintetto attraverso l’utilizzo di espedienti compositivi interessanti. L’inserimento di elementi sinfonici e/o elettronici poi va a rafforzare questo concetto, sottolineando la capacità da parte del gruppo di lavorare su quelli che sono gli aspetti principali del power metal per cercare di farli propri e restituire un prodotto che brilli per la sua personalità. Forse concentrandosi maggiormente su questi punti di forza e provando a sperimentare su strade lontane rispetto a quelle già percorse dalla maggior parte delle band che trattano lo stesso genere la formazione spagnola potrebbe riaprirsi un varco sulla scena internazionale, ma per il momento Zeitgeist si profila come un concentrato di stereotipi e manca di colore per risaltare come dovrebbe.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Zeitgeist02:07
2El Guardián del Tiempo06:01
3Estrella Fugaz04:16
4Alter Ego06:23
5La Travesía04:27
6Destino 06:05
7Un Último Adiós04:17
8Sólo Depende de Ti04:22
Durata totale: 37:58
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Juanba Nadalvoce e basso
Pablo Solanovoce
Víctor Gonzálezchitarra
Isauro Aljarotastiera
Jorge Alcázarbatteria
ETICHETTA/E:Art Gates Records
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:l’etichetta stessa

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento