PIC – Hiding Places (2019)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEI PIC (Pawns In Chess) sono un trio formato a Torino nel 2017 che ha esordito nel 2019 con l’EP Hiding Places.
GENEREHard rock classico venato da chiare influenze blues.
PUNTI DI FORZAPezzi con la giusta energia che fanno trasparire buoni spunti per il futuro.
PUNTI DEBOLIRegistrazione grezza anche per un esordio e sonorità troppo attaccate al passato.
CANZONI MIGLIORIHiding Places (ascolta)
CONCLUSIONIHiding Places è un EP piacevole di una band che ha bisogno però di trovare una propria identità.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube  
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon 
SCOPRI IL GRUPPO SU:Facebook | Youtube  
VOTO FINALE
Su un massimo di 80 per gli EP
60
COPERTINA
Clicca per aprire

I PIC (Pawns In Chess) sono un trio formatosi a Torino nel 2017 e giunto nel 2019 alla sua prima pubblicazione, un EP che porta il nome di Hiding Places. Il loro hard rock si fonde con influenze blues che esaltano le scelte compositive operate dalla band, particolarmente mature nonostante l’esperienza relativamente limitata dei tre.

Il sound ottenuto in questo disco riporta la memoria allo stile hard rock di qualche decennio fa: il tipo di distorsione scelto per la chitarra, il suono emesso dalle pelli e il riverbero della voce energica di Giulia Chinaglia riescono a ricreare l’atmosfera che appartiene all’epoca d’oro del genere. Hiding Places è stato un buon esperimento iniziale per capire se la band fosse in grado o meno di appropriarsi di un certo tipo di sonorità e sembra essere anche riuscito. E’ difficile muoversi con fantasia in una sfera musicale che nel corso dei decenni ha dato spazio ad una quantità innumerevole di gruppi, ma trovare un’interpretazione personale che possa esprimere una sfumatura interessante dovrebbe essere l’obiettivo di chiunque voglia abbracciare il mondo dell’hard rock. I PIC trovano la propria dimensione adagiandosi sulle influenze più classiche ma sanno come supportare adeguatamente i loro brani originali, rimodellando tali ispirazioni a proprio vantaggio. Sebbene ciò comporti un parallelismo obbligatorio con le opere del passato, è vero anche che l’eccessivo affidamento alle sonorità che più hanno determinato il percorso di una band agli esordi è una pecca parzialmente perdonabile; nella ricerca di una identità che possa essere riconoscibile, può risultare infatti necessario attingere (anche in misura piuttosto massiccia) alle colonne portanti del genere di riferimento. In questo breve episodio che dà il via alla storia del trio piemontese non mancano tuttavia degli spunti dai quali il gruppo può partire per sviluppare un proprio stile personalissimo, anche in virtù degli accenni di blues cui si faceva riferimento nell’introduzione.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1787802:26
2On White Feet03:26
3Morning Lut04:52
4Hiding Places04:12
5Red Moon04:12
Durata totale: 33:34
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Giulia Chinagliavoce e chitarra
Simona Romanovoce e batteria
Carlo Capriogliobasso
ETICHETTA/E:Volcano Records
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:Alpha Omega Management

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento