Algebra – Pulse? (2019)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEPulse? (2019) è il terzo album degli Algebra, band svizzera formatasi nel 2008.
GENEREUn thrash metal classico arricchito da sperimentazioni tecniche.
PUNTI DI FORZALa band non si attiene a troppi classicismi e non suona scontata.
PUNTI DEBOLINon tutti i brani sono piacevoli allo stesso modo.
CANZONI MIGLIORIHateful Source (ascolta), Pulse? (ascolta)
CONCLUSIONIPulse? è un disco da ascoltare per rivivere del buon thrash metal senza aspettative troppo alte.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify 
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon | Bandcamp 
SCOPRI IL GRUPPO SU: Facebook |Bandcamp | Youtube | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
75
COPERTINA
Clicca per aprire

Gli Algebra sono un gruppo svizzero nato nel 2008, giunto ormai a ciò che dovrebbe rappresentare la sua maturità compositiva. Pulse? è il terzo album full-length, propone una discreta palette di thrash, a tratti melodico a tratti più lento e ricco di groove, qualche pizzico di grunge nell’intenzione vocale. Il suono generale dell’album è molto piacevole ed equilibrato.

Il disco dura poco meno di un’ora: in questo lasso di tempo ci vengono proposti tantissimi spunti, l’ispirazione è madre di questo lavoro. Ci sono elementi che lo fanno vertere quasi verso quello che definirei un technical thrash, nonostante l’essenza sai quella pura degli anni ‘80-’90.
Tra i pezzi che andrebbero evidenziati di più il primo che si pone sulla nostra strada è Addicted to Authority, figlia del thrash metal classico che risente dell’ispirazione degli Slayer in maniera evidente. Tutto ciò consente al brano di essere immersivo nei ricordi e nelle sensazioni. La sezione dei vari assoli più lo special è ben curata e si collega bene al ritorno della strofa. Un’altra canzone degna di nota è sicuramente Quantum God che nella prima parte ricorda molto le atmosfere di The Call of Ktulu, tranne che qui c’è una linea melodica e ritmiche più sincopate ed energetiche che rimangono più sul thrash di quanto lo faccia la canzone dei Metallica, insomma un’ispirazione che prende la sua strada. L’altra canzone che merita tantissimo, la migliore dell’album secondo me, è Hateful Source con un ottimo intro riesce a catturare l’attenzione, potrebbe tranquillamente essere la colonna sonora di uno dei Batman degli anni 90, si presterebbe molto bene. Il brano è per lo più accompagnato da riff thrash discreti, niente di spettacolare ma comunque gustabili. La sezione strumentale è degna di un brano prog, scelte melodiche non usuali, ritmiche tipiche di altri generi, stop vari sopra un assolo, synth, insomma tanti elementi che rimandano alla scena prog. Probabilmente questo aspetto più “sperimentale” mi ha fatto piacere di più questa canzone. L’ultimo brano è Pulse?, la title track che tira dritto passando sopra tutto, il secondo riff inoltre è spettacolare, intriso di buona ritmica e arricchito con bei spunti melodici. La canzone varia di continuo, non si ferma un minuto, un treno che passa stazione per stazione a tutta velocità che ti fa ammirare tutto il panorama del loro stile, in tutta la sua espressività. Nella seconda metà troviamo una sezione melodica alla Orion¸ due linee melodiche con bending armonizzati e il basso che sostiene tutto l’accompagnamento, il tutto fluisce verso ciò che è un assolo, sempre eseguito con le due chitarre armonizzate per poi terminare ed essere il finale.
Ultima nota aggiuntiva è la cover dei Sepultura, Dead Embronyc Cell, un mixing più moderno offre spunti interessanti, il gruppo rimane molto fedele all’originale nell’esecuzioni. Un buon tributo ad un gruppo che sicuramente li ha influenzati molto nella loro carriera. In conclusione, la band è decisamente matura: le composizioni sono ricche, decisamente non ripetitive, per un ottimo lavoro che va premiato.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Ego Destroyed00:46
2Inner Constraints04:23
3Addicted to Authority06:15
4Digital Master05:10
5Quantum God05:54
6Simulated Mind05:11
7Manipulated Soul05:31
8Prelude to Hate00:39
9Hateful Source05:29
10Concrete Jungle04:49
11Pulse?08:22
12Dead Embryonic Cells (Sepultura cover)04:36
Durata totale: 57:05
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Chaos Edyvoce e chitarra solista
Phil Voidchitarra e backing vocals
Mat Jassbasso e backing vocals
Tony Sharpbatteria
ETICHETTA/E:Unspeakable Axe Records
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:Metal Coffee PR

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento