Empathica – The Fire Symphony (2019)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEGli Empathica sono un quintetto symphonic metal proveniente da Verona che arriva all’esordio su full-lenght con The Fire Symphony (2019).
GENEREL’enfasi del symphonic metal incontra la struggente emotività del black.
PUNTI DI FORZALe componenti dei due sottogeneri vengono esaltate al punto giusto.
PUNTI DEBOLIAlcuni brani poco efficaci e una performance vocale non sempre al top.
CANZONI MIGLIORIDeath Came Twice (ascolta)
CONCLUSIONILa band sa porsi degli obiettivi e riesce a costruire uno stile interessante, per un risultato finale molto buono.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube 
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon 
SCOPRI IL GRUPPO SU:Facebook Youtube | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
80
COPERTINA
Clicca per aprire

Gli Empathica sono un quintetto symphonic metal proveniente da Verona che arriva all’esordio su formato full-lenght con The Fire Symphony, uscito nel 2019. Nonostante il disco sia stato interamente autoprodotto gode di un comparto sonoro curato a sufficienza e vive momenti compositivi ispirati, malgrado qualche comprensibile errore dovuto all’inesperienza.

La proposta stilistica della formazione nostrana non si limita solo alla componente sinfonica, che comunque resta preponderante: tutti i brani sono costruiti anche su influenze black metal che vanno ad ampliare le possibilità a disposizione della band. Il potenziale contenuto in questa combinazione viene espresso abbastanza bene dagli Empathica, che hanno il grande merito di aver saputo valorizzare alcuni degli elementi fondamentali di questi due sottogeneri del metal nel tentativo di creare uno stile personale. Anche se alcune tracce non colpiscono pienamente nel segno e risultano poco efficaci, l’opera nel suo complesso ha dentro di sé una discreta quantità di spunti dal risvolto interessante che richiamano l’attenzione dell’ascoltatore. La caratteristica sulla quale il gruppo sembra voler improntare la propria produzione musicale è l’enfasi tipica del symphonic, a cui fa da contraltare l’emotività struggente del black metal; due generi apparentemente distanti tra di loro convivono in quella che potrebbe rivelarsi un’interpretazione stilistica di buon livello anche negli album che seguiranno. La formazione veneta ha un’idea piuttosto chiara di ciò che vuole portare avanti da un punto di vista sia tecnico che concettuale, mostrando le proprie abilità con una sicurezza che in un disco d’esordio non è assolutamente da dare per scontata. The Fire Symphony potrebbe essere l’inizio di un percorso florido per la band, che adesso deve sviluppare un progetto dalle buone premesse.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Invocation01:34
2Fallen Master Pleasure04:20
3Prophecy04:51
4Religio05:46
5What We Have to Die For05:39
6Sillus Messor Animarum08:03
7Death Came Twice04:45
8Graceless Times04:46
9The Fire Symphony10:31
Durata totale: 50:15
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Alessia De Benedectisvoce
Filippo Tezzavoce e basso
Francesco Gambarinichitarra
Giacomo Savinapianoforte e tastiere
Francesco Falsirolibatteria
ETICHETTA/E:Autoprodotto
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:InfinityHeavy

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento