Red Cain – Kindred: Act I (2019)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEI Red Cain sono un quintetto canadese giunto all’esordio con Kindred: Act I, uscito nel marzo del 2019.
GENEREUn heavy moderno unito al mondo prog con degli accenni di musica elettronica
PUNTI DI FORZAStile d’impatto con delle interessanti scelte compositive che tentano di rinnovare il genere di riferimento
PUNTI DEBOLILa produzione indipendente dell’album lo fa peccare sul lato tecnico ma tutto sommato è stato fatto un lavoro discreto
CANZONI MIGLIORIZero (ascolta), Blood and Gold (ascolta)
CONCLUSIONIKindred: Act I è un primo passo nella giusta direzione per una band promettente.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify 
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon | Bandcamp 
SCOPRI IL GRUPPO SU: Facebook | Instagram | Bandcamp | Youtube | Spotify | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
85
COPERTINA
Clicca per aprire

Kindred: Act I è il nome dell’esordio dei canadesi Red Cain, reso disponibile nel marzo del 2019. Nonostante il suono un po’ grezzo dell’album, dovuto alla produzione indipendente, il gruppo riesce a far trasparire la propria idea di prog metal in salsa heavy portando alla luce una serie di brani promettenti.

La natura delle scelte stilistiche operate dal quintetto nordamericano risiede contemporaneamente in due mondi diversi, uniti per formare una proposta interessante. Un heavy fresco e moderno viene rimodellato con i tempi e le capacità espressive di un progressive non eccessivamente tecnico ma pur sempre valido, che include al suo interno accenni provenienti da ambienti elettronici. Diretta, fantasiosa e versatile: la musica dei Red Cain gode di tre caratteristiche tutt’altro che scontate in un disco d’esordio e lo fa cercando di sfuggire il più possibile agli stereotipi del genere e creando un’interpretazione che possa in qualche modo dargli nuova vita. Come menzionato in apertura, se c’è un qualcosa che può minare la bontà del prodotto è l’aspetto tecnico non eccessivamente curato a causa della produzione completamente indipendente scelta dal gruppo per il primo full-lenght. Non è tuttavia da considerarsi un aspetto dal peso così rilevante nell’economia di Kindred: Act I: il lavoro svolto può comunque essere ritenuto soddisfacente seppur bisognoso di alcune limature di carattere più professionale. La maturità mostrata dalla band nella sua ancora breve carriera dimostra che c’è del potenziale da sfruttare anche nei prossimi lavori: i Red Cain sono sicuramente una formazione da tenere d’occhio e questa opera prima sembra essere l’inizio di un percorso fruttuoso. Chissà che la formula sperimentata dai cinque musicisti canadesi non possa contribuire all’evoluzione dell’heavy metal moderno in misura considerevole.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Snakebouquet06:07
2Midnight Sarabande05:26
3Zero06:22
4Blood & Gold04:32
5Juliet05:03
6All Is Violence05:40
7Wing of the Crow06:00
Durata totale: 39:10
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Evgeniy Zayarnyvoce
Noah Bockmuehlchitarra
Brendan Dollchitarra
Rogan McAndrewsbasso
Taylor Gibsonbatteria
OSPITI
Daniel Loudenvoce (traccia 5)
Kobra Paigevoce (traccia 7)
Tyler Corbettchitarra (traccia 2)
ETICHETTA/E:Sliptrick Records
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:Grand Sounds PR

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento