Maggoth – Maggoth (2020)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEMaggoth (2020), è il secondo omonimo album dei Maggoth, band polacca fondata nel 2006 a Pabianice.
GENEREUn thrash/groove metal dalle influenze del passato ma riletto in chiave personale.
PUNTI DI FORZAUn insieme di ritmiche trascinanti e melodie aggressive che hanno il potere di scuotere repentinamente l’animo dell’ascoltatore.
PUNTI DEBOLIProduzione un po’ scarna.
CANZONI MIGLIORI6 (ascolta),7 (ascolta)
CONCLUSIONIIl ritorno dei Maggoth non poteva che essere positivo. In ben nove tracce, i nostri sono riusciti a ritrovarsi e a migliorarsi con un sound davvero notevole.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp
ACQUISTA L’ALBUM SU:Bandcamp 
SCOPRI IL GRUPPO SU:Sito ufficiale | Facebook | Instagram | Bandcamp | Youtube | Spotify | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
80
COPERTINA
Clicca per aprire

La Polonia continua a rendersi viva in ambito metal anche nel 2020. Dopo la nuova uscita degli storici Trauma, arriva anche il nuovo album self-titled dei Maggoth, via Defense Records. Proveniente da Pabianice, la band arriva al secondo capitolo della propria carriera dopo il primo System Error del 2012, e in questa occasione, i Nostri sembrano essere maturati nettamente dall’ultima volta: con un thrash/groove pesante, fiero e aggressivo, il trio formato da Artur “Austin” Kubiak (voce, chitarra), Adam “Grucha” Gruszczyński (basso) e Paweł “Mlody” Drozd (batteria) dimostra di essere in gran forma sfornando ben nove tracce, tutte legate tra loro per formare un capitolo unico. Lo si comprende anche dalla scelta dei titoli, semplici numeri che corrispondono alla successione delle tracce all’interno del lavoro, cosa da una parte scontata, ma dall’altro azzeccata se si considera il contesto. Durante l’ascolto sarà facile riscontrare influenze dai maestri del groove metal, cioè i Pantera e gli Exhorder, ma non sono da sottovalutare le classiche basi del thrash e lo stampo personale che la band riesce ad imprimere in ogni pezzo, inserendo melodie e assoli assolutamente originali per un genere come questo.

L’album parte fiero e martellante con la breve intro, che ha il potere di scuotere repentinamente l’animo dell’ascoltatore. La seconda traccia, infatti, inizia a caricarsi e a travolgere tutto ciò che capita a tiro, con una cavalcata brutale resa ancor più pesante da un basso eccellente in fase di accompagnamento. E dopo una ritmica da headbanging, ecco che si passa al brano successivo in men che non si dica, con degli inserti melodici che non guastano affatto il mood della canzone, ma che lo migliorano ulteriormente, nonostante Austin urli tutta la sua rabbia. Le successive due tracce sono dei veri e propri revival dei Pantera, ma ovviamente riletti in chiave del tutto personale, specie se si fa riferimento alla seconda, che sfodera una sezione ritmica pesantissima seguita da momenti più calmi e melodici. Dello stesso stampo è anche il brano successivo, ma ancor più rabbioso e aggressivo, mentre la traccia numero 7 ritorna su ritmiche più blande, rimanendo sempre su una buona dose di intensità. Sulla ottava traccia, invece, non c’è niente di particolare da aggiungere: riesce a riassumere tutto il contenuto dell’album in poco più di cinque minuti con una cavalcata impressionante, prima della chiusura dell’album affidata ad una outro acustica.

Il ritorno dei Maggoth non poteva che essere positivo. In ben 9 tracce, i Nostri sono riusciti a ritrovarsi e a migliorarsi con un sound davvero notevole. Non è una impresa da poco, infatti, trasformare un sound già ricalcato in passato per renderlo personale e originale, e i Maggoth ci sono riusciti alla grande, confermando quanto già fatto di buono. L’unica pecca può essere riconosciuta in una produzione alquanto scarna, ma che comunque non nuoce alla buona riuscita dell’album in termini di sound. Non resta che aspettare il prossimo capitolo di questa band che, a parere del sottoscritto, può andare avanti sempre meglio.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
10 (intro)00:56
2104:53
3204:23
4306:33
5404:51
6503:27
7603:33
8705:24
98 (outro)03:11
Durata totale: 37:11
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Artur “Austin” Kubiak voce e chitarra
Adam “Grucha” Gruszczyński basso
Paweł “Mlody” Drozd batteria
ETICHETTA/E:Defense Records
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:Mythrone Promotion

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento