Guardian of Lightning – Cosmos Tree (2020)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONECosmos Tree (2020) è il primo album dei Guardian of Lightning, band brasiliana fondata nel 2017.
GENEREUn heavy metal classico riletto in chiave del tutto originale.
PUNTI DI FORZAIl basso si rende l’assoluto protagonista nelle trame ritmiche e melodiche, sostituendo il classico ruolo della chitarra solista.
PUNTI DEBOLI
CANZONI MIGLIORIFollow Your Silver Shine, Cosmos Tree
CONCLUSIONICosmos Tree è un lavoro non innovativo, ma del tutto personale, che lascia ben intravedere per il  capitolo successivo dei Guardian of Lightning. 
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Spotify 
ACQUISTA L’ALBUM SU:
SCOPRI IL GRUPPO SU: FacebookSpotify | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
80
COPERTINA
Clicca per aprire

Questa è una band da non sottovalutare, ma anzi, da scoprire in ogni suo aspetto. Oggi, con questa recensione, parlerò dei Guardian of Lightning. Il terzetto nato in Brasile nel 2017 e composto dal bassista Roger Fino (in arte Iron King), suo padre Marco Fino, voce e chitarra, e Lord Drum, batterista, si è da sempre proclamato come capostipite di un apparente nuovo genere, il thunder metal. Da questa apparente classificazione, aspetto ormai sempre più diffuso nel metal, è nata la mia curiosità riguardo al loro operato, scoprendo di conseguenza il loro album di debutto Cosmos Tree, uscito il 17 luglio 2020 via Eclipse Records. Approfondendo ogni singolo aspetto dell’album, si può notare un peculiare tratto distintivo all’interno del loro sound: se di base i brasiliani si rifanno alla prima ondata della NWOBHM prendendo spunto da colossi come Motörhead e Black Sabbath, dall’altro riescono quasi ad “interpretare” con una nuova modalità il genere sostituendo il tipico ruolo di chitarra solista con quello di un basso elettrico fragoroso ultra pesante. Probabilmente è da questa impostazione che nasce la nuova classificazione del genere, prendendo come riferimento il rumore di un tuono (da cui deriva il nome) e immettendolo nelle trame musicali di ogni canzone.

Già dalla prima omonima Cosmos Tree, successiva alla breve Intro, si nota come i nostri mettano molto più in risalto il basso rispetto alla chitarra: gli assoli sono presenti, e anche ben udibili, ma alle volte acidi e sottotono per dare risalto soprattutto al basso.
Iron King non nasconde l’influenza di maestri quali Lemmy Kilmister, Joey DeMaio e Cliff Burton, prendendo dal primo l’irruenza selvaggia, dal secondo il modo di suonare il proprio strumento più come una chitarra che come un basso e dal terzo la particolare distorsione e le linee aggressive. Il suono, quindi, risulta corposo e pesantissimo dando al termine “thunder” tutto il suo significato. Questo lo si può notare soprattutto nei brani finali dell’album, come Follow Your Silver Shine, un pezzo Sabbath-iano in cui il basso è l’assoluto protagonista nonostante vocals e drumming perfetti, oppure Inside of Us, cavalcata di puro hard n heavy maestosa e pesante al punto giusto.

Niente di nuovo, ma sicuramente fatto bene. Cosmos Tree è un chiaro esempio non solo di revival, ma anche di una reinterpretazione del tutto personale verso un genere che, da ormai 40 anni, è stato già rivisitato tante volte. Nessuno ha mai osato come i Guardian of Lightning, e vedere risultati convincenti come questi lascia pochi subbi sul futuro roseo di questa band.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Intro01:09
2Cosmos Tree05:00
3Raise Your Sword03:41
4Sound of Thunder04:17
5Aligned with the Stars03:29
6Follow Your Silver Shine 03:58
7Inside of Us03:15
8Another Place04:55
9Be Like the Moon02:29
Durata totale: 32:13
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Marco Finovoce e chitarra
Iron Kingbasso
Lord Drumbatteria
ETICHETTA/E:Eclipse Records
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:l’etichetta stessa

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento