Infinitas – Infernum (2019)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEGli Infinitas sono una band proveniente dalla Svizzera e si ripropongono a noi con Infernum (2019).
GENEREUn folk metal piuttosto melodico, ma anche con qualche spigolo.
PUNTI DI FORZAOttime le atmosfere generate dal gruppo.
PUNTI DEBOLILa scaletta è un po’ ondivaga, a causa anche di un eccesso di interludi.
CANZONI MIGLIORIAfanc (ascolta), Avnas (ascolta)
CONCLUSIONIInfernum tutto sommato è un buon lavoro, ma a tratti gli Infinitas si perdono; di sicuro non è al livello del precedente Civitas Interitus (2017)
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon | Bandcamp
SCOPRI IL GRUPPO SU:Sito ufficiale | Facebook | Instagram | Bandcamp | Youtube | Spotify | Twitter | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
79
COPERTINA
Clicca per aprire

Oggi torniamo in Svizzera a trovare una band che abbiamo già avuto il piacere di ospitare qui sulle pagine virtuali di Heavy Metal Heaven e cioè gli Infinitas. Mi occupai io del loro precedente album Civitas Interitus del 2017 elogiandolo molto. Si ripeteranno con Infernum?

Si e no, è la risposta. In verità il grosso problema di Infernum è il suo essere troppo ondivago: pezzi belli ed interessanti, come l’opener Afanc, ma anche Avnas, e pezzi che si perdono, soprattutto nel mare di preludi e interludi presenti nella scaletta. Su tredici pezzi in totale, averne sei come interludi mi sembra veramente esagerato, spezza troppo il lavoro in generale. Inoltre se almeno quelli musicali si legano bene alle canzoni, quasi da far passare il problema in secondo piano, un pezzo come A Manifested Nightmare è totalmente inutile ai fini del tutto.
Ma ovviamente Infernum non è un album da buttare, anzi è un lavoro onesto, con degli spunti degni di nota, e soprattutto delle atmosfere ottime: possono cambiare da epico a delicato anche nella stessa canzone, passando per una rabbia potente.

Insomma, un mezzo passo falso non toglie agli Infinitas i pregi che comunque hanno. Rimangono sempre una band da seguire e continuare a tenere d’occhio e chissà: magari quando si potrà tornare a farlo, meriteranno anche di sentirli dal vivo.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Afanc08:08
2A Manifested Nightmare00:35
3Antahkarana in Flames (Avnas Prelude)00:52
4Avnas04:08
5Utukki05:53
6Infernum Overture (Lilith Prelude)00:46
7Lilith09:21
8Rahu04:25
9A Starless Universe (Tiamat Prelude)01:30
10Tiamat06:37
11Vadatajs06:40
12The Seeker of Truth00:51
13Consultus02:45
Durata totale: 52:31
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Andrea Böllvoce e percussioni
Pirmin “Piri Betschartvoce, batteria, percussioni, clarinetto
Selv Martonechitarra, strumenti virtuali
Savannah Childersviolino
OSPITI
Marcel “Camel” Kollerbasso, backing vocals
Chrigel Glanzmannvoce (traccia 10)
ETICHETTA/E:autoprodotto
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:Against PR

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento