Neverdream – Figli Dell’Alba (2020)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEI Neverdream sono una formazione romana con vent’anni di carriera alle spalle e Figli dell’Alba (2020) è il loro quinto full-length.
GENEREUn progressive molto orientato al melodico e condito con molteplici sonorità differenti.
PUNTI DI FORZAIl disco gode di parecchi spunti interessanti e sa come attirare l’attenzione, anche grazie ad un suono che, nonostante possa sembrare grezzo all’apparenza, risulta efficace.
PUNTI DEBOLIA tratti ripetitivo o non particolarmente ispirato
CANZONI MIGLIORIFigli dell’Alba (ascolta), Grimorio (ascolta)
CONCLUSIONICon Figli dell’Alba, i Neverdream fanno ancora una volta centro, ma senza evitare qualche sbavatura. Il disco resta comunque valido e si guadagna il suo spazio nella scena progressive nostrana.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify 
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon | Bandcamp
SCOPRI IL GRUPPO SU:Facebook | Instagram | Bandcamp | Youtube | Spotify | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
79
COPERTINA
Clicca per aprire

Figli dell’Alba è il nome del quinto album a firma Neverdream, band romana che propone un progressive metal con parecchie sfumature. Per la prima volta il gruppo si cimenta in una scrittura tutta italiana sia nei titoli che nei testi, accantonando la scelta dell’inglese come lingua principale.

Il sound prodotto in questo nuovo disco esalta in modo particolare la potenza delle chitarre: l’ottimo lavoro svolto alle sei corde da Giuseppe Marinelli riempie l’atmosfera dei brani, oltre a catturare l’attenzione grazie alla sua efficacia. Nel quadro compositivo lo strumento ricopre indubbiamente un ruolo fondamentale, e beneficia di una struttura musicale che lo vede favorito. Nelle intenzioni della band lo stile proposto si caratterizza come melodico e non si discosta molto da questa definizione; anche se nella loro idea di progressive convivono una serie di influenze che provengono dagli ambienti più disparati, nessuno dei brani contenuti in Figli dell’Alba risulta troppo deciso o aggressivo. Ciò non significa di certo che il gruppo manchi della giusta energia, e quando c’è da spingere sull’acceleratore i sei musicisti della capitale non si risparmiano. Tuttavia, nonostante alcuni spunti brillanti, l’album a più riprese sembra adagiarsi troppo sui propri punti di forza e il risultato non è sempre soddisfacente. Talvolta si viene rapiti da un guizzo alle tastiere o da un ispirato fraseggio fra il basso e la batteria, ma la sensazione è che tra un momento degno di nota e l’altro passi un po’ troppo tempo (durante il quale alcuni brani rischiano di essere classificati come riempitivi). In effetti c’è da dire che la durata del nuovo lavoro dei Neverdream – un’ora e sette minuti – testimonia una volontà di portare alla luce la propria natura espressiva; è indubbio che in fase di produzione tutti e tredici i pezzi presenti sulla tracklist abbiano avuto una propria importanza, ma è altrettanto vero che alcuni di questi aggiungono poco o nulla alla buona idea di partenza. Dopo circa vent’anni di carriera la band ha ancora voglia di ricercare, di stupire, di provare a fare il passo in più per muoversi nella giusta direzione: Figli dell’Alba è l’ennesima prova di valore per i nostri, che riescono ancora a porsi in modo originale.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Fuga da un Sogno02:03
2Figli dell’Alba06:16
3Onde Scure03:39
4Pioggia di Catene04:12
5Il Prezzo della Libertà06:45
6Grimorio05:33
7Versi di Speranza06:02
8Barnum11:50
9Venere02:11
10Danza del Fuoco02:07
11Dentro una Divisa04:42
12La Clessidra nel Vento05:24
13Il Mare dei Sogni07:06
Durata totale: 01:07:50
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Giorgio Massimivoce
Giuseppe Marinellichitarra
Mauro Neritastiera
Marco Baldassarrabasso
Luca Urbinatibatteria
Alessandra Filippibacking vocals
ETICHETTA/E:Elevate Records
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:l’etichetta stessa

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento