Bleedskin – Blood Reign (2020)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEBlood Reign (2020) è il primo album dei Bleedskin, band death metal belga fondata nel 2016.
GENEREUn death metal feroce e brutale che, rifacendosi alle influenze del passato, si presenta completo, personale e d’impatto.
PUNTI DI FORZALa produzione ottimale contribuisce a dare all’album un impatto ancor più diretto.
PUNTI DEBOLIQualche sbavatura.
CANZONI MIGLIORIObsession (ascolta), Innocent (ascolta)
CONCLUSIONIBlood Reign è uno degli esordi più memorabili di questo 2020. Presenta i Bleedskin come una band classica nel suo approccio, ma originale nella sua essenza.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify | Soundcloud
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon | Bandcamp 
SCOPRI IL GRUPPO SU:Facebook | Instagram | Bandcamp | Youtube | Spotify | Twitter | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
80
COPERTINA
Clicca per aprire

I Bleedskin sono una giovane band death metal proveniente da Andenne, in Belgio. Il quintetto vanta solo un EP, The Rotten One del 2018, ben accolto dalla critica. Giunti al 2020, rilasciano il l loro primo full-length: Blood Reign. Ispirati da band come Cannibal Corpse, Abnormality, Dying Fetus e Benighted, le canzoni presentate in questo lavoro sono ben scritte, ben prodotte e fornite in modo professionale, in una sequenza che non stanca neanche dopo ascolti ripetuti.

In 39 minuti di assalto sonoro, i Bleedskin dimostrano una grande competenza nell’arte scelta: il loro death metal è brutale e impetuoso, avanza compatto grazie al fatto che tutti i brani sono legati tra loro. In questo modo prendono spunto dai grandi nomi sopra menzionati, pur conservando un sapore tutto loro.
Queste canzoni mostrano una buona selezione di riff, melodie e assoli sparsi su di esse, con buone scelte quando si tratta di dinamica, strutturazione e ritmo. Il risultato finale è una musica ben ponderata e molto soddisfacente.

Tracce come Perversion of Mankind o Innocent hanno alcuni passaggi da headbanging sfrenato, con le chitarrista Céline Mazay che riesce benissimo a calibrare il suono tra brutalità e groove. Inoltre l’album è pieno di trabocca di momenti memorabili come i fantastici tocchi con le dita di No One Can Hear You o The Dead Sale, o il fantastico lavoro da solista di Silence Is Your Only Way. Notevoli sono anche le linee di basso di Rémy Adam che anche in fase di accompagnamento si rendono assolute protagoniste. La vera sorpresa dell’album, però, è Anouk Debecq, una delle cantanti estreme più promettenti che: la sua capacità di alternare growl profondi e demoniaci a screaming leggermente più acuti, la rende il perno della band e del suo sound. Si presenta particolarmente furiosa in The Dead Sale, con dei growl da terremoto che si insinuano nelle contorte linee melodiche del brano con una cattiveria inaudita. Per quanto riguarda il batterista Julien Vanhees, offre una performance complessivamente solida ma le sue ritmiche non sono sempre così tese come ci si aspetta in un album estremo. E quando un batterista death metal a volte perde un colpo o pedala fuori ritmo, l’ascoltatore lo nota facilmente. In Obsession, infatti, si possono notare alcuni blast beats registrati fuori tempo, cosa che rende il bridge un po’ caotico. Tuttavia, la sua prova non è da buttare, anzi: questo è il suo unico difetto riscontrato all’interno dell’album, perché nei riempimenti e negli stacchi repentini, dimostra di essere preciso e pungente. Menzione d’onore, infine, va fatta per l’ultima traccia Chaos Theory, che rappresenta la summa stilistica di tutto l’album: i Nostri non tralasciano nulla del loro repertorio stilistico, offrendo una prova spaccaossa come degna chiusura del disco.

Le conclusioni, quindi, sono abbastanza ovvie: i Bleedskin sono un perfetto esempio di ciò che accade quando, dalle grandi leve del passato, viene presa tanta ispirazione per creare un qualcosa che, se non uguale, suona dannatamente simile. Blood Reign ha tutto ciò che si possa aspettare da un album death metal, e con queste premesse del tutto positive, i Bleedskin sono già pronti per andare lontano.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Perverted01:52
2Eternal Hatred03:18
3Obsession03:20
4No One Will Hear You03:45
5Schizophrenia03:33
6Point of No Return04:04
7Perversion of Mankind03:34
8Silence Is Your Only Way03:55
9The Dead Sale03:19
10Innocent04:03
11Chaos Theory04:04
Durata totale: 38:47
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Anouk Debecqvoce
Benjamin Lefevrechitarra solista
Céline Mazaychitarra
Rémy Adambasso
Julien Vanheesbatteria
ETICHETTA/E:autoprodotto
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:la band stessa

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento

Google-Translate it!