Hellraizerr – Life After Death (2020)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONELife After Death (2020) è il primo album di Hellraizerr, progetto solista del musicista americano Sal Hellraizer.
GENEREUn thrash metal venato di punk che ricorda molto il genere ai suoi albori
PUNTI DI FORZAL’idea alla base del progetto è lodevole. Riportare in vita questo tipo di thrash non è un’operazione che si vede fare spesso.
PUNTI DEBOLIL’esecuzione tecnica è carente e lascia poco spazio all’interpretazione.
CANZONI MIGLIORI
CONCLUSIONILife After Death è un vero peccato, specialmente considerando le premesse iniziali. Hellraizerr non lascia il segno alla sua prima uscita in dieci anni di attività.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify
ACQUISTA L’ALBUM SU:BandcampEbay
SCOPRI IL GRUPPO SU:Facebook | Instagram | BandcampSpotify | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
54
COPERTINA
Clicca per aprire

Hellraizerr è il progetto solista del musicista americano Sal Hellraizerr, attivo da circa un decennio ma approdato alla sua prima pubblicazione in formato full-length solo nel 2020. Il thrash metal macchiato di punk ricorda le radici del genere e ne esalta le caratteristiche migliori, nonostante i grandi limiti che questo album si porta dietro.

Dal punto di vista concettuale siamo di fronte ad un’ottima idea, per la verità. Le scelte operate dal mastermind che dà il nome alla band puntano tutte in una direzione, ovvero quella del revival nostalgico e reverenziale orientato a omaggiare l’essenza più tradizionale del thrash. Il vero punto critico però riguarda l’esecuzione tecnica, che risulta a più riprese insufficiente o poco efficace. Su questo piano Life After Death si perde in un’interpretazione poco lucida; i brani che compongono la tracklist in questione si identificano come degli spettri vuoti e senza entusiasmo (e in questo ricordano la copertina poco rassicurante del disco). Come detto in apertura, le intenzioni iniziali erano anche positive pur mancando di una certa originalità. Tuttavia, il ritratto che Hellraizerr fa di uno dei generi più importanti della storia del metal è piuttosto decadente e privo di un’anima propria, che avrebbe invece potuto dare energia nuova a questa proposta. Il musicista americano ha preferito rimanere ancorato ad una serie di caratteristiche in linea con il suo genere di riferimento ma che sarebbero andate bene a malapena per un disco uscito trent’anni fa. Nonostante la lunga carriera il primo guizzo di questo progetto solista non è dei migliori, ma si spera che col tempo ci darà modo di ricrederci.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Summoning of Demons03:05
2Realm of Madness04:11
3Violent Creation02:41
4Collector of Souls04:12
5Hordes of Decay03:55
6Hellbound02:25
7Slasher Within03:08
8Vengeance Rising02:59
9Vicious Assault03:42
10Wasteland Babylon02:19
11Seeing Red03:26
12Land of Ancient Evil03:10
13Relentless Death04:14
Durata totale: 43:27
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Sal Hellraizerrvoce, chitarra, basso, synth
OSPITI
Chris Hellkingvoce (tracce 8 e 11), batteria
Adam Axechitarra solista (tracce 1-5, 7, 8, 10, 12, 13)
Jason Bacajolsynth (tracce 1, 6, 9, 13)
ETICHETTA/E:Reaper Metal Productions
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:l’etichetta stessa

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento

Google-Translate it!