Grima – Rotten Garden (2021)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEI Grima sono due fratelli siberiani e Rotten Garden (2021) è il terzo lavoro in studio.
GENEREBlack Metal sinfonico di matrice atmosferica, in cui i due membri ricreano atmosfere magiche attraverso strutture e strumenti poco convenzionali al genere.
PUNTI DI FORZAUna bella ricerca armonica e stilistica, anche mediante l’ utilizzo di strumenti legati al folk che aiutano a rendere l’ atmosfera ulteriormente macabra e, a suo modo, fiabesca.
PUNTI DEBOLIPoca convinzione nel discostarsi totalmente da strutture black, che vengono percepite come un compito a casa svolto bene.
CANZONI MIGLIORIRotten Garden (ascolta)
CONCLUSIONIDa Rotten Garden, i Grima emergono come una band interessante e sperimentale, nonostante il genere in cui è stato già praticamente detto tutto.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify
ACQUISTA L’ALBUM SU:BandcampEbay
SCOPRI IL GRUPPO SU:Facebook | Instagram | BandcampSpotify | VK | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 100
75
COPERTINA
Clicca per aprire

I fratelli gemelli Morbius e Vilhelm sono le due menti che si celano dietro il progetto Grima.
Al loro terzo lavoro in studio, Rotten Garden, propongono un’ opera degna e matura di interessante black metal di matrice atmosferica.
Ciò che discosta leggermente i fratelli dal sottobosco di metal estremo a cui si rifanno, sono alcuni piccoli dettagli che messi insieme disegnano un quadro generale per nulla scontato, ma sicuramente interessante e degno di essere considerato un’ opera d’ arte.
Innanzitutto l’ approccio estetico non è basato, come consuetudine, sul classico face painting che ormai è un marchio di fabbrica del 99% dei musicisti black metal. Il loro makeup è affidato ad inquietanti maschere di legno che ci catapultano, insieme alle loro armonie, in un ambiente macabro e fiabesco; basterebbe chiudere gli occhi per farsi trasportare in una inquietante foresta popolata dalle più remote paure del nostro inconscio.
Il sound ha una matrice di black sinfonico, ma il duo riesce ad intessere trame armoniche di assoluta finezza, intervallando parti folk ad assoli melodici, scelta tuttavia non di facile fruizione per i puristi del black.
I brani non seguono un vero e proprio filo logico compositivo, anzi, l’ utilizzo di strumenti come l’organetto, la fisarmonica, come nella title track Rotten Garden, portano gli arrangiamenti a livelli più elevati rispetto a brani più classici presenti nell’ album, come il pezzo di apertura Cedar and Owls, di buona struttura e dal tipico cadenzare black sinfonico che, seppur ben costruito ed altrettanto ben interpretato, non racchiude elementi che lo fanno brillare come altri brani presenti nell’ album.
L’ approccio al black metal dei Grima non ha oltretutto quelle caratteristiche aggressive che ci si può aspettare da un filone così estremo. Piuttosto si respira un’ aurea magica, in cui il cantato e le tastiere sono perfettamente incastrate in un tessuto sinfonico che imprigiona l’ ascoltatore e lo trasporta in un universo onirico parallelo.
Si può tranquillamente affermare che la peculiarità del disco è proprio il lato folk, l’ utilizzo di strumenti non convenzionali, che i fratelli non disdegnano di proporre, e che si può considerare un vero e proprio marchio di fabbrica, Oltre a rendere riconoscibile il sound dei Grima tra le centinaia di band, più o meno credibili che fino ad oggi si sono copiate vicendevolmente, rivela una sensibilità artistica che traspare da ogni nota del disco. L’ ottovolante di sensazioni e di aspettative che si vengono a creare per ogni traccia, non lasciano sicuramente deluso l’ ascoltatore più affamato di novità. Né tantomeno chi ricerca band per i quali l’epiteto “artista” viene guadagnato sul campo, proprio attraverso lavori in cui la voglia di osare si fonde senza risultati banali o cacofonici, sfornando addirittura un prodotto degno di essere consigliato per l’ ascolto.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Cedar and Owls07:56
2Mourning Comes at Sunset05:32
3At the Foot of the Red Mountains04:42
4Old Oak02:43
5Rotten Garden10:24
6Grom05:34
7Devotion to Lord 2020 (bonus track)06:37
Durata totale: 43:28
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Vilhelmvoce e chitarra
Morbiuschitarra
OSPITI
Serpentumbasso
Vladbatteria
ETICHETTA/E:Naturmacht Productions
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:l’etichetta stessa

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento

Google-Translate it!