Nuclear Vomit – Bitches, Drugs and Broken Dreams (2021)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEBitches, Drugs and Broken Dreams (2020) è il primo EP dei Nuclear Vomit, band polacca fondata nel 2005 e con all’attivo già tre album.
GENEREUn mix di death metal e grindcore potente e aggressivo che a volte pende verso sonorità goregrind.
PUNTI DI FORZAAnche se non molto creativi dal punto di vista stilistico, i polacchi si rendono ascoltabili e apprezzabili, anche a dispetto della pesantezza.
PUNTI DEBOLI
CANZONI MIGLIORIDiarrhoea since 1998 (ascolta), Vagina Made in China (ascolta)
CONCLUSIONICon un EP ben realizzato come Bitches, Drugs and Broken Dreams, i Nuclear Vomit si sono probabilmente creati le basi per un nuovo disco ancor più avvincente e brutale.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon | Bandcamp  Ebay
SCOPRI IL GRUPPO SU:Facebook | Spotify | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 80 per gli EP
70
COPERTINA
Clicca per aprire

I Nuclear Vomit sono una di quelle band che non tutti conoscono, ma che sono una sorpresa una volta scoperte. Il quintetto polacco, nato nel 2005, è riuscito a farsi conoscere nel circuito underground grazie ad una serie di lavori come Obora (2008), Koryto (2011) e Chlew (2015), nei quali si erge la loro spiccata propensione verso un death/grindcore feroce e senza fronzoli, talvolta spostandosi verso le sponde ancor più marce del goregrind. Dopo ben 6 anni senza album all’attivo, i Nostri decidono di tornare sulle scene con un EP di 17 minuti intitolato Bitches, Drugs and Broken Dreams che, con un sound sicuramente già sentito in passato, ma rinnovato e più poderoso, si mantiene su alti livelli di intensità.

Le tracce, come ci si aspetterebbe da un album grindcore, hanno un minutaggio ristretto: lo si capisce dalla opener Diarrhoea since 1998 e Vagina Made in China, fondate su una struttura semplice ma distruttiva e guidate dai growler Ulcer (Karol Cieślik) e Vaginathor (Łukasz Gliński). Entrambi distinguibili per la loro diversa intensità, riescono a coincidere in molte parti cruciali delle canzoni per impattare ancor di più sui blast beats guidati da Jacek Gut, abile nel creare bei breakdown che appesantiscono l’atmosfera. Buoni episodi sono anche Alconarcolepsy Burden, Bukkake Blitzkrieg e Analbusstop, che non cambiano la sostanza dell’album, ma mettono ancor più in risalto il lavoro di Perkinz alla chitarra, sempre ruvida e presente. La chiusura è affidata a 4 piwa i wagon kurew, scritto in lingua madre e Cop Killer, cover dei Body Count, di cui andrebbero fieri anche i creatori originali, resa più pesante e con molto più groove.

Band come i Nuclear Vomit sono sempre da tenere d’occhio. Anche se non molto creativi dal punto di vista stilistico, la loro musica si rende, nonostante la pesantezza, ascoltabile e apprezzabile. Sono usciti già tre full-length da parte loro, ma con questo nuovo EP si sono probabilmente create le basi per un nuovo disco ancor più avvincente e brutale.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Diarrhoea since 199802:29
2Alconarcolepsy Burden02:46
3Bukkake Blitzkrieg02:00
4Analbussstop02:27
5Vagina Made in China01:13
64 piwa i wagon kurew02:39
7Cop Killer (Body Count cover)03:30
Durata totale: 17:04
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Ulcervoce
Vaginathorvoce
Perkinzchitarra
Nelekbasso
Jackbatteria
OSPITI
Ojciecvoce (tracce 3 e 7)
Chłostavoce (tracce 7)
Chorzavoce (tracce 7)
ETICHETTA/E:Rotten Roll Rex
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:Mythrone Promotion

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento

Google-Translate it!