Evulse – Pustulant Spawn (2020)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEPustulant Spawn (2020) è il secondo EP degli Evulse, band statunitense fondata nel 2018.
GENEREUn death metal duro, aggressivo e viscerale.
PUNTI DI FORZALa musica risulta ascoltabile e apprezzabile, nonostante la pesantezza del sound.
PUNTI DEBOLIL’EP è troppo corto nella sua durata, che non permette di valutare pienamente l’operato della band
CANZONI MIGLIORIRepulsive Infestation (ascolta), Worms Made Flesh (ascolta)
CONCLUSIONIPustulant Spawn è sicuramente un lavoro ben composto e ben prodotto, ma le potenzialità degli Evulse devono ancora essere scoperte a pieno.
ASCOLTA L’ALBUM SU:Youtube | Bandcamp | Spotify
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon | Bandcamp
SCOPRI IL GRUPPO SU:Facebook | InstagramSpotify | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 80 per gli EP
65
COPERTINA
Clicca per aprire

La scena estrema di Oakland è da sempre un punto di riferimento per la California e l’intero movimento metal americano. Tra le tante band provenienti da questa città vi sono gli Evulse, giovane quintetto in attività dal 2018, che non porta di certo una ventata di novità nel nostro genere. Dopo la demo di debutto intitolata Call of the Void, i Nostri danno alla luce il suo degno successore Pustulant Spawn, dalla durata di appena 13 minuti. Come già detto, non c’è niente di nuovo nella loro proposta musicale: sin dagli inizi, gli Evulse hanno cercato di riprodurre quel marciume tipico degli Autopsy, dei Carcass e degli Incantation tanto caro agli amanti del death metal più crudo e viscerale. D’altronde, è difficile pensare ad uno stile diverso dinanzi a un monicker e ad una copertina del genere, che lascia intravedere nero su bianco tutto il contenuto del disco.

Premendo il tasto play, notiamo sin da subito che gli Evulse vanno dritti al punto: non utilizzano strutture complesse ma, anzi, le rendono semplici e dall’impatto durissimo. Si alternano tempi medi e accelerazioni in tremolo: si susseguono in modo inquietante, con il cantante Jimmy che sputa rabbia e angoscia dai suoi growl profondissimi. I richiami ad album come Mental Funeral e Symphony of Sickness sono chiarissimi nella prima parte della scaletta, ma è altrettanto evidente che i due pezzi finali presentano forme più complesse che quasi si avvicinano a Onward to Golgotha. Depraved Sanctity mostra infatti maggiori doti tecniche, spostandosi in frequenti cambi di tempo che rendono il risultato molto più complesso, mentre Worms Made Flesh chiude questo breve, ma intenso viaggio nelle viscere dell’oscurità con un andamento folle, crudo e omicida.

Alla luce dei lavori prodotti dagli Evulse, è ancora troppo presto prevedere quale sarà il loro futuro. Pustulant Spawn è sicuramente un lavoro ben composto e ben prodotto, ma le potenzialità della band devono ancora essere scoperte a pieno. Non resta che aspettare l’arrivo di un full-length, ma di certo la passione dei musicisti coinvolti è tangibile, e la qualità della scrittura è buona.

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Repulsive Infestation04:22
2Pustulant Spawn03:14
3Depraved Sanctity02:49
4Worms Made Flesh02:46
Durata totale: 13:11
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Jimmyvoce
Colin Tarvinchitarra
Michael Treloarchitarra
Clint Roachbasso
Johnny Vallesbatteria
ETICHETTA/E:Godz ov War Productions
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:l’etichetta stessa

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento

Google-Translate it!