Kat – The Last Convoy (2020)

SCHEDA DEL DISCO
Per chi ha fretta
PRESENTAZIONEThe Last Convoy (2020) è un EP che celebra i quarant’anni della band polacca Kat, nata nel 1979.
GENEREUn heavy/speed metal classico con venature power.
PUNTI DI FORZALa musica sa andare dritta al punto e, anche se breve, non si perde in inutili fronzoli.
PUNTI DEBOLITre cover sono un po’ troppe.
CANZONI MIGLIORISatan’s Nights (ascolta), Dark Hole (ascolta)
CONCLUSIONIThe Last Convoy è una buona celebrazione, per i quaranta anni dei Kat!
ASCOLTA L’ALBUM SU:YoutubeSpotify | Soundcloud
ACQUISTA L’ALBUM SU:Amazon | BandcampEbay
SCOPRI IL GRUPPO SU:Sito ufficiale | Facebook | InstagramSpotify | Metal-Archives
VOTO FINALE
Su un massimo di 80 per gli EP
70
COPERTINA
Clicca per aprire

Molto spesso sulle pagine di Heavy Metal Heaven andiamo a scrivere di band che si affacciano da poco nel panorama musicale. Quest’oggi, invece, ci troviamo davanti ad una pietra miliare del metal polacco, nata addirittura nel 1979, i Kat. Da quel momento ad oggi, lineup e genere sono un po’ cambiate: partivano come band black metal, ma in questi ultimi anni hanno virato verso sonorità più melodiche. Per festeggiare i loro quarant’anni, hanno fatto uscire questo EP celebrativo, The Last Convoy, uscito nel 2020 nonostante le difficoltà dovute al Covid.

Ciò che ci troviamo davanti con The Last Convoy è un lavoro che sembra effettivamente fatto più per divertirsi che per pura e mera necessità: ci sono otto pezzi in scaletta e tre sono cover. Vista la durata dovremmo parlare di un full length corto, ma credo che sia meglio interpretarlo come un EP espanso, perché è questa la sensazione che ti lascia dopo averlo ascoltato. Come dicevamo in apertura, i Kat hanno iniziato come blackster, ma qui ci troviamo di fronte ad un heavy metal venato di power e con solo qualche influsso dei vecchi generi, il che lo rende molto più appetibile per il vasto pubblico. Si sente che non stiamo parlando di una band di primo pelo, lo si capisce dalla scaletta, che al netto delle cover, dimostra comunque una certa maestria, passando da pezzi più pestati ad una ballad molto struggente, senza perdere la trama di un EP che sa il fatto suo. E tra i pezzi, che per la band sono un omaggio, spicca Blackout, cover degli Scorpions: a mio avviso quella che è riuscita meglio, ma pure You Shook Me All Night Long degli AC/DC e Highway Star dei Deep Purple sono state fatte bene, forse un pelo troppo aderenti alle originali.

Insomma The Last Convoy è un buon lavoro, solido e ben strutturato. Facciamo gli auguri di buon compleanno ai Kat con l’auspicio per loro di altri quarant’anni così, di vederli magari di nuovo in giro. Io vi consiglio di ascoltare questo EP in macchina, magari partendo per le vacanze, ma attenti a non premere troppo il pedale dell’acceleratore!

DATI DEL DISCO
TRACKLIST
1Satan’s Nights03:53
2The Last Convoy03:37
3Mind Cannibal04:17
4Highway Star (Deep Purple cover)06:31
5Dark Hole07:24
6Flying Fire 202006:06
7Blackout (Scorpions cover)04:06
8You Shook Me All Night Long (AC/DC cover)03:34
Durata totale: 39:28
FORMAZIONE DEL GRUPPO
Qbek Weigelvoce
Piotr Luczykchitarra
Adam Harrisbasso
Rogolbatteria
  
OSPITI
Henry Beckvoce (traccia 3)
Maciej Lipinavoce (traccia 5)
Tim “Ripper” Owensvoce (traccia 6)
Paweł Steczekpianoforte (traccia 5)
ETICHETTA/E:Pure Steel Records
CHI CI HA RICHIESTO LA RECENSIONE:la band stessa

Potrebbero interessarti anche...

Aggiungi il tuo commento

Google-Translate it!